Hai bisogno di info?
+39 080 9909178

Novità

Copertine Articoli_SENERGIE_2

Per le imprese è attivo il Bonus Investimenti Sud

La Legge di Bilancio 2021 ha esteso la proroga del Bonus Investimenti Sud per i nuovi sistemi fotovoltaici fino al 31 dicembre 2022. Le agevolazioni finanziarie a favore delle imprese e delle startup meridionali. Il Bonus sarà accessibile solo per alcune regioni italiane infatti potranno accedere a questo tipo di incentivi solo le aziende che hanno sede in: Campania, Puglia, Calabria, Basilicata, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.

Il Bonus Investimenti Sud consiste in un credito d’imposta per gli Investimenti nel Mezzogiorno che viene attribuito in misura differente a seconda delle dimensioni e dell’ubicazione dell’azienda che lo richiede (dev’essere spendibile nello stesso anno). Le agevolazioni corrispondono così come segue:

  • 45% per piccole aziende (limite massimo di spesa 3 milioni di euro);
  • 35% per medie imprese (limite massimo di spesa 10 milioni di euro);
  • 25% per aziende di grandi dimensioni (limite massimo di spesa 15 milioni di euro).

Le uniche imprese che non potranno usufruire del bonus sono quelle operanti nei settori dell’industria siderurgica, carbonifera, di fibre sintetiche, produzione e distribuzione di energia, costruzioni navali e generici trasporti.

Accanto a queste misure previste in maniera specifica per aziende ed imprese del mezzogiorno, rimangono in vigore anche tutte gli altri benefici previsti per le imprese, quali:

  • Il piano Nazionale di transizione 4.0;
  • La possibilità di far parte di una comunità energetica.

Il Piano Nazionale Transizione 4.0 andrà ad agevolare tutti quegli investimenti che sono in stretta relazione con la transizione tecnologica e la sostenibilità ambientale. In conseguenza di questa premessa possiamo affermare che esso comprende anche gli incentivi per gli impianti fotovoltaici industriali. Il Piano subentra a misure come l’iper-ammortamento e super-ammortamento, ampliandone l’applicazione. Sarà infatti possibile usufruirne per investimenti in beni di varie tipologie come ad esempio per i beni strumentali materiali. Fra questi rientrano appunto gli impianti fotovoltaici per aziende come stabilito dalla Circolare 46/E/2007 l’Agenzia delle Entrate.

Sostanzialmente queste misure riguardano tre punti principali:

  1. Potenziamento dell’aliquota di ammortamento degli incentivi per il fotovoltaico per le aziende nel 2021;
  2. Fruizione del credito d’imposta (gli investimenti in beni strumentali e in beni immateriali non rientranti nel Piano Industria 4.0 effettuati da Piccole e Medie Imprese con ricavi inferiori ai 5 milioni di euro nel 2021, potranno fruire del credito d’imposta in un anno);
  3. Estensione della durata del credito d’imposta.

Senergie, da oltre 15 anni punto di riferimento nel settore delle energie rinnovabili e specializzata per i grandi impianti industriali, mette in primo piano il tema della sostenibilità offrendo esperienza e servizi di prim’ordine. Supportiamo le imprese per l’ottenimento di finanziamenti e agevolazioni, affiancandole in ogni fase progettuale.